Neymar

Neymar
 neymar_brasile_nike
Dati biografici
Nome Neymar da Silva Santos Júnior
Nazionalità bandiera Brasile
Altezza 174[1] cm
Peso 65[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra 600px Bianco diviso di Nero a Strisce.png Santos
Carriera
Giovanili
2003-2009 600px Bianco diviso di Nero a Strisce.png Santos
Squadre di club1
2009- 600px Bianco diviso di Nero a Strisce.png Santos 102 (54)[2]
Nazionale
2009
2011
2012
2010-
Bandiera del Brasile Brasile U-17
Bandiera del Brasile Brasile U-20
Bandiera del Brasile Brasile Olimpica
Bandiera del Brasile Brasile
3 (1)
7 (9)
7 (4)
27 (17)
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Argento Londra 2012
 Campionato sudamericano Under-20
Oro Perù 2011
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 dicembre 2012

Neymar da Silva Santos Júnior, meglio noto come Neymar (Mogi das Cruzes5 febbraio 1992), è un calciatore brasilianoattaccante delSantos e della Nazionale brasiliana. Nel 2011 vince con la Nazionale brasiliana Under-20 il Campionato sudamericano di calcio Under-20, conquistando anche la classifica cannonieri con 9 reti in 7 presenze. Nello stesso anno conquista con la maglia del Santos la Coppa Libertadores. Con il Santos ha vinto anche 3 Campionati Paulista e 1 Coppa del Brasile.

Il 31 dicembre 2011 vince il premio di Calciatore sudamericano dell’anno, assegnato dal quotidiano El País, ottenendo 130 voti su 206 e precedendo il cileno Eduardo Vargas e il compagno di squadra Ganso.[3] Nel gennaio 2012 arriva decimo nella classifica del Pallone d’oro FIFA 2011. Vince il FIFA Puskás Award per il miglior gol realizzato contro il Flamengo. Nel 2011 vince la Bola de Ouro, dopo essere stato nominato nella miglior squadra della Bola de Prata. Il 31 dicembre 2012 viene nominato per la seconda volta Calciatore sudamericano dell’anno.[4]

Nel 2009 ha giocato il Mondiale U-17 dove il Brasile esce nella fase a gironi, nel torneo segna 1 gol.

È nato a Mogi das Cruzes, nello stato di San Paolo, da Neymar da Silva Sr. e Nadine Santos. Ha ereditato il nome dal padre, ex calciatore che divenne il consulente di Neymar quando il suo talento cominciò a crescere.[5] Crescendo Neymar si è avvicinato allo street soccer.[6]

Biografia 

La famiglia, dopo essersi trasferita a São Vicente nel 1992, si trasferì a Santos nel 2003 e Neymar si aggregò all’omonima società calcistica. Grazie al successo calcistico di Neymar con le giovanili del Santos, la famiglia acquista la loro prima proprietà. A 15 anni il calciatore guadagnava 10 mila real al mese e a 16 ne guadagnava 25 mila. L’anno seguente firma il suo primo contratto da professionista con il Santos, ottenendo anche le prime sponsorizzazioni.[7]

Pubblicità

Neymar sponsorizza Gillette

Nel 2010 insieme ad altri compagni del Brasile ha pubblicizzato la Gillette.[8] Nel 2012 insieme a Lucas del San Paolo sponsorizza la Guaraná.[9]

Caratteristiche tecniche

« Neymar può diventare anche più forte di me. »
(Pelé[10])

Neymar è un calciatore piccolo fisicamente, ma dotato di un grande talento e abilità sui calci di punizione.[11] È abile nei colpi di testa,[11] ed è molto rapido[11] specialmente con la palla al piede, ed è ambidestro. Può giocare sia da seconda punta che da ala,[12][11] la sua principale abilità è il dribbling, con i quali riesce a superare i marcatori creando superiorità numerica, o andando in porta.[11]

Nel 2010 e nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 e 1991 stilata da Don Balón.[13][14]

Carriera

Club Santos

Neymar col Santos.

2009: debutto col Santos 

Neymar è diventato un nome abbastanza noto fin dalla giovanissima età: è stato spesso al centro di trattative che lo avrebbero portato in Europa,[11] ma le società hanno preferito non ingaggiarlo, temendo che potesse non diventare un grande giocatore.[15] Lo acquista, allora, il Santos.[15][11] Entra stabilmente in prima squadra a partire dal campionato 2009. Il 7 marzo 2009 arriva il debutto, entrando in campo nel corso della ripresa al posto di Mauricio Molina.

La sua seconda presenza è contro il Mogi Mirim, gara in cui segna il suo primo gol nel Santos.[11] L’11 aprile, nella semifinale del Campionato Paulista, segna il gol decisivo nella vittoria per 2-1 contro il Palmeiras.[11] Il 21 giugno 2009 contro l’Atletico Mineiro realizza il primo gol nel Campionato Brasiliano partita persa 3 a 2. Il 7 novembre realizza una doppietta nella partita vinta 3 a 1 contro il Nàutico. Si ripete ancora con 2 gol il 22 novembre contro il Coritiba finita 4 a 0.

2010: vittoria del campionato Paulista e della Coppa del Brasile

Nella stagione 2010 Neymar e il suo Santos vincono la Coppa del Brasile, battendo in finale il Vitória 2-0 in casa e 1-2 fuori, così come il Campionato Paulista 2010, dopo una cavalcata che ha portato alla fine della prima fase il Santos a +10 dal Santo André. Il 18 aprile in semifinale contro il São Paulorealizza 2 gol, la partita finirà 3 a 0 per il Santos. Riesce in finale sempre contro il Santo André la vittoria del torneo con il 2-3 fuori e 2-3 in casa. Alla fine della competizione Neymar è il capocannoniere con 11 gol e viene anche eletto miglior giocatore del torneo.

Alla prima giornata di campionato giocata l’8 maggio 2010 contro il Botafogo realizza un gol, la partita finirà 3 a 3. Il 16 maggio si ripete nella sfida casalinga pareggiata 1 a 1 contro il Ceará. Decide la partita contro l’Internacional finita 1 a 0 e giocata il 13 agosto. Contro il Gremio segna un gol su rigore e serve l’assist per Rodriguinho che consente al Santos al 93′ di vincere 2 a 1. Il 15 settembre nella sfida casalinga vinta 4 a 2 contro l’Atletico Goianiense, contribuisce alla vittoria con 2 assist. Nella 25esima giornata segna un gol nella partita finita 4 a 1 contro il Cruzeiro. Nella sfida persa il 17 ottobre contro ilSão Paulo, realizza la rete del terzo gol del Santos (4-3 per il São Paulo). La sua prima doppietta in campionato arriva il 7 novembre nella gara esterna giocata contro l’Atlético Mineiro pareggiata 2 a 2. Il 21 novembre segna 3 gol in sette minuti nel secondo tempo cui uno su rigore contribuendo enormemente alla vittoria per 4 a 1 contro il Goiás Esporte Clube.[16]

2011: vittoria Copa Libertadores e miglior calciatore sudamericano

Neymar e Messi dopo la finale del Mondiale per Club

Il 16 febbraio 2011 esordisce in Coppa Libertadores nella partita pareggiata contro il Deportivo Tachira (0-0)[17]. Il 3 marzo scende ancora in campo per la Libertadores contro il Cerro Porteño e viene eletto miglior giocatore in campo[18]. Il 17 marzo realizza la sua prima rete nelle competizioni internazionali e in Coppa Libertadores contro il Colo Colo partita persa 3 a 2[19]. Il 15 maggio segna nella finale del Campionato Paulista il gol vittoria contro il Corinthians, portando alla vittoria il suo Santos[20][21]. Il 2 giugno segna nella semi-finale di ritorno della Libertadores contro il Cerro Porteño finita 3 a 3, ma il Santos conquista la finale dopo il successo dell’andata per 1 a 0[22][23]. Il 22 giugno segna uno dei gol decisivi per la conquista della Libertadores[24][25][26]. Il 28 luglio, dopo aver partecipato con il Brasile in Coppa America, Neymar torna in campo con la maglia del Santos e realizza una doppietta contro il Flamengo (4-5 per i rossoneri il risultato finale), partita valida per il Campionato Brasiliano[27][28][29]. Il 31 luglio segna un gol nella sfida persa 3 a 2 contro il Atletico Paranaense[30][31]. Il 1º ottobre segna il primo gol del Santos nella partita persa 3 a 2 contro ilFluminense[32]. Il 29 ottobre, alla 32esima giornata di Campionato, realizza la sua prima quadripletta nella vittoria per 4-2 contro l’Atletico Paranaense[33]. Il 6 dicembre riceve il premio Bola de Ouro come miglior calciatore del Campionato Brasiliano[34]. Il 14 dicembre 2011 gioca per la prima volta nella Coppa del mondo per club FIFA, dove alla prima partita (in semifinale) contro il Kashiwa Reysol realizza il gol dell’1 a 0 che porterà poi alla vittoria del Santos per 3 a 1, conquistando il posto in finale,[35][36] dove poi viene sconfitto dal Barcellona per 4 a 0. Conclude la sua terza stagione con 47 presenze e 24 gol. A fine stagione Neymar risulta essere il calciatore che ha subito più falli (150) durante il campionato[37].

2012: capocannoniere della Libertadores e del Paulista

Dopo aver vinto il titolo di Calciatore sudamericano dell’anno, si classifica al decimo posto al Pallone d’oro FIFA 2011. Il 5 febbraio 2012 realizza il primo gol della stagione nell’incotro di Campionato Paulista contro il Palmeiras persa 2 a 1.[38] Nella sfida esterna vinta per 4 a 1 contro il Botafogo il 10 febbraio realizza una tripletta. Il 25 febbraiorealizza 2 gol contro il Ponte Preta partita vinta per 6 a 1. Il 7 marzo segna 3 gol nella sfida di Coppa Libertadores vinta per 3 a 1 contro l’Internacional.[39] Segna nella partita contro il Sao Paulo il18 marzo il gol del momentaneo 2 a 2, la partita viene vinta dal Sao Paolo con gol finale di Lucas. Nella partita di Campionato Paulista contro l’Americana vinta 5 a 0 dal Santos il 30 marzo segna 3 reti contro il Guaratinguetá, 2 su rigore raggiungendo quota 10 gol in campionato.[40][41] Nella partita di Copa Libertadores contro il Bolivar il 26 aprile al 31′ del secondo tempo mentre si prepara alla battuta del calcio d’angolo viene colpito al volto dai tifosi della squadra avversaria da una pietra.[42][43][44] Il 29 aprile nella semifinale di Campionato Paulista contro il San Paolo, realizza 3 gol che portano grazie alla vittoria per 3 a 1 la sua squadra in finale, con questa tripletta raggiunge i 100 gol con la maglia del Santos.[45][46] Realizza una doppietta nella finale di andata delCampionato Paulista contro il Guarani vinta 3 a 0 (6 maggio).[47][48]

Dopo la sconfitta per 2 a 1 all’andata, nella partita di ritorno degli ottavi di finale di Coppa Libertadores realizza una doppietta contro il Bolivar, la partita finisce 8 a 0 per il Santos.[49][50][51] Segna altri 2 gol nella gara di ritorno il 13 maggio della finale contro il Guarani, la partita termina 4 a 2 per il Santos che si aggiudica il titolo, il terzo consecutivo.[52][53] Dopo la sconfitta per 1 a 0 in casa, il 21 giugno segna 1 gol nella gara di ritorno di Coppa Libertadores contro il Corinthians, la partita finsce 1 a 1 e quindi in Santos viene eliminato in semifinale.[54] Arriva il suo primo gol nel Campionato Brasiliano il 24 giugno contro il Coritiba, pareggiata 2 a 2, per il Santos il primo gol lo ha segnato Dracena.[55] Il secondo gol lo realizza l’8 luglio contro il Gremio, partita vinta dal Santos per 4 a 2.[56][57]

Dopo il pareggio della gara di andata di Recopa Sudamericana 2012 contro l’Universidad de Chile, realizza una doppietta nella gara di Campionato contro il Palmeiras vinta 2 a 1.[58][59] Il 16 settembre nella sfida di campionato contro il Coritiba segna 2 gol, di cui il primo saltando 5 giocatori compreso il portiere. La partita finisce 2 a 1 in favore del Santos.[60][61] Il 27 settembrerealizza la rete dell’1 a 0 contro la Universidad de Chile, nel match che vale la prima Recopa Sudamericana nella storia del Santos, finito col risultato di 2 a 0.[62] Il 3 novembre nella sfida vinta 4 a 0 contro il Cruzeiro, realizza una tripletta.[63]

2013

Inizia l’anno vincendo il Pallone d’oro Sudameri 

Nazionali giovanili

Mondiale U-17 2009

Nel 2009 partecipa al Mondiale Under-17. Esordisce il 24 ottobre con un gol contro il Giappone sfida vinta 3 a 2.[65] La seconda partita la gioca contro il Messico U-17 persa 1 a 0 con gol di Miguel Basulto, al 75′ viene sostituito per Felipihno.[66] La terza e ultima partita viene disputata il 30 ottobre 2009 contro la Svizzera U-17 che in seguito vincerà il titolo, parte ancora una volta dagli 11 in campo. La partita finirà 1 a 0 in favore della Svizzera.[67] Ha giocato per diverse selezioni giovanili del Brasile.[15]

Sudamericano U-20 2011

Nel 2011 ha debuttato con la formazione Under-20, disputando il primo incontro del Sudamericano U-20 2011 contro il Paraguay Under-20, mettendo a segno una quaterna.[68][69] Segna anche nella seconda partita il 20 gennaio contro la Colombia Under-20. Nella seconda fase del Torneo, il 31 gennaio, segna una doppietta contro il Cile Under-20.[70] Il 12 febbraio gioca l’ultima partita del torneo contro l’Uruguay Under-20, dove il Brasile vince 6-0 anche grazie alla sua doppietta. Questa partita sancisce la vittoria finale della squadra sudamericana.[71][72] A fine torneo vince la classifica dei migliori cannonieri con 9 gol.

Nazionale maggiore e olimpica

Neymar col Brasile.

Il suo debutto in Nazionale maggiore avviene il 10 agosto 2010 nell’amichevole contro gli Stati Uniti al New Meadowlands Stadium; in tale partita realizza anche la sua prima marcatura, segnando al ventisettesimo minuto del primo tempo.[73]

Il 27 marzo 2011 Neymar realizza una doppietta nell’amichevole giocata all’Emirates Stadium di Londra contro la Scozia. La partita terminò 2-0 per i verdeoro.[74]

Coppa America 2011

Nel giugno 2011 è stato inserito nella lista dei 22 giocatori convocati da Menezes per la Coppa America 2011 che si è svolta in Argentina con il numero 11 sulle spalle.[75] Esordisce il 3 luglio 2011 contro il Venezuela pareggiata 0 a 0 a La Plata.[76] Il 14 luglio realizza una doppietta nella partita vinta 4 a 2 contro l’Ecuador giocata a Córdoba.[77][78] Il 17 luglio nella partita valida per i quarti di finale disputata a La Plata,[79] Neymar e il suo Brasile vengono eliminati ai calci di rigore, abbandonando così il torneo.

Il 10 agosto 2011 nell’amichevole di lusso contro la Germania giocata a Stoccarda finita 3 a 2 per i tedeschi realizza un gol.[80][81][82]

Superclasico de las Américas 2011

Neymar viene convocato per il Superclásico de las Américas 2011, questa che è la prima edizione del trofeo, la prima partita di andata è stata disputata il14 settembre contro la Nazionale Argentina con un risultato finale di 0-0.[83] Il 28 settembre 2011 è stata disputata la gara di ritorno che ha visto la vittoria del Brasile sull’Argentina per 2-0. Il Brasile, pertanto si è aggiudicato il torneo dove ha segnato un gol.[84]

Il 31 maggio 2012 realizza il suo nono gol nella partita Amichevole vinta 4 a 1 contro gli Stati Uniti.[85]

Olimpiadi di Londra 2012

Il 6 luglio 2012 viene convocato per disputare le XXX Olimpiadi.[86][87] Indosserà la sua maglia numero 11. Nel corso del torneo userà delle nuove scarpe fatte di fibre riciclate di una pianta brasiliana, la mamona.[88] Esordisce nell’amichevole preolimpica giocata il 20 luglio con la Nazionale di calcio del Regno Unito, il Brasile si impone 2-0 con una rete e un assist di Neymar.[89][90] Il26 luglio esordisce nella prima partita del Brasile nel girone C segnando il terzo gol della squadra su assist di Oscar al 33′ del primo tempo nell’incontro vinto 3 a 2 contro l’Egitto Olimpica.[91][92][93] Nella seconda partita del 29 luglio a Manchester si rende protagonista di un’ottima partita contro la Bielorussia realizzando due assist per Pato e Oscar e segnando un gol su punizione sul palo del portiere.[94][95] Grazie ad un suo gol e alla doppietta di Leandro Damiao il Brasile si qualifica in semifinale dopo aver battuto 3 a 2 l’Honduras Olimpica il 4 agosto.[96] La nazionale brasiliana concluderà il torneo qualificandosi al secondo posto, dietro la Nazionale messicana campione perdendo nella finale di Wembley 2 a 1 l’11 agosto.[97][98]

Superclasico de las Américas 2012

Il 19 settembre 2012 segna il gol partita nella gara di andata del Superclásico de las Américas 2012 contro l’Argentina al 93esimo minuto il 2 a 0 dopo il gol di Paulinho, la partia finisce 2 a 1. La seconda partita non viene disputata per un black-out. La vittoria finale viene assegnata al Brasile che vince per la seconda volta il titolo dopo quello dell’anno scorso.

Il 12 ottobre 2012 nella sfida amichevole contro l’Iraq realizza un gol, la partita finisce 6 a 0.[99][100]

Controversie

Nella partita Santos-Ceará ha scatenato una rissa in campo, dopo aver insultato i calciatori avversari.[11][101] Neymar si scusa pubblicamente alcuni giorni dopo.[101] In un’altra partita Neymar conquista un calcio di rigore ma il suo allenatore lo fa battere a Marcel: Marcel realizza il rigore, ma Neymar prima non festeggia con la squadra poi intraprende una partita “solitaria” non passando più la sfera ai compagni di squadra.[11] Dorival Júnior decide di tenerlo in panchina per le due partite successive; la dirigenza decide di esonerarlo.[11][102][103]

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 31 gennaio 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009 Bandiera del Brasile Santos A1/SP+A 12+33 3+10 CB 3 1 48 14
2010 A1/SP+A 19+31 14+17 CB 8 11 CS 2 0 60 42
2011 A1/SP+A 11+21 4+13 CL 13 6 Cmc 2 1 47 24
2012 A1/SP+A 16+17 20+14 CL 13 8 RSA 2 1 47 43
2013 A1/SP+A 4+0 4+0 CB 0 0 4 4
Totale carriera 164 99 11 12 28 14 4 2 207 127

Cronologia presenze e reti in Nazionale

Palmarès

Club

Competizioni nazionali

Santos: 201020112012
Santos: 2010

Competizioni internazionali

Santos: 2011
Santos: 2012

Individuale

201020112012
2010 (11 gol)
2012 (8 gol)
2011 (9 gol)
2012 (16 gol)
20112012
2011
2010, 2011
2010, 2011, 2012
2010, 2012
2011 (Santos-Flamengo 4-5)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: